0421 333190 of.denobili@gmail.com

Molte famiglie decidono di dare comunicazione della scomparsa di un proprio caro attraverso un manifesto funebre, una pubblicazione in cui vengono riportati i dati della persona, il luogo della cerimonia e, di solito, un piccolo pensiero alla sua memoria. Spesso indicate anche epigrafi oppure necrologi, questi manifesti vengono affissi nelle strade del comune di residenza del defunto e nei luoghi che questo era solito frequentare.

Non è una scelta condivisa da tutti: chi è particolarmente riservato potrebbe preferire una comunicazione più discreta e selettiva, per esempio nei confronti solamente dei familiari e degli amici più intimi. 

In questa breve guida ai manifesti funebri vogliamo suggerire quali sono i contesti più appropriati in cui pubblicarli, qualche idea per la frase di commiato e per l’eventuale risposta dei partecipanti alla cerimonia. 

I regolamenti cittadini

Generalmente i comuni prevedono spazi e bacheche apposite in cui affiggere i manifesti funebri. Le normative possono variare molto significativamente da città a città, sia per i luoghi disponibili che per il massimo numero di affissioni possibili. L’uso di questi spazi non è generalmente pubblico: al comune deve essere contribuito un pagamento per l’affissione. 

Spesso ricercare le informazioni riguardo l’affissione dei manifesti funebri può essere difficile: per questo le agenzie di onoranze funebri sono sempre aggiornate sulle norme da rispettare e sapranno senza dubbio consigliare adeguatamente la famiglia. 

Cosa scrivere

Il manifesto funebre più semplice consta di pochissime informazioni: 

  • Nome e cognome del defunto, sempre in quest’ordine per non conferire un’aura troppo formale e distaccata. Possono essere, eventualmente, utilizzati gli appellativi professionali
  • La data di nascita e quella di morte
  • Il luogo, il giorno e l’orario della cerimonia o dell’apertura della camera ardente, se si desidera che i conoscenti e gli amici partecipino al funerale. 

A queste tre informazioni possono essere aggiunte immagini sacre o fotografie del defunto, oppure un pensiero di commiato, o ancora una frase di ringraziamento per chi vorrà partecipare al funerale. Se lo si gradisce è possibile inserire un riferimento ai doni funebri: magari la persona avrebbe preferito donazioni caritatevoli agli omaggi floreali, ed è bene farlo sapere così ai partecipanti. 

E’ sempre molto difficile per la famiglia scegliere cosa scrivere nelle pochissime righe a disposizione del manifesto funebre, ma tutto il nostro staff è disponibile a suggerire e consigliare le parole più adatte da utilizzare. 

Il manifesto di risposta

Non sempre i manifesti funebri vengono scritti e fatti affiggere dalla famiglia: a volte sono gli amici a sceglierli per manifestare la propria vicinanza al defunto e ai suoi cari.

In questo caso, considerando che probabilmente la data del funerale sarà già nota, è possibile utilizzare quello spazio sul manifesto per scrivere un pensiero o un aforisma, riportare il brano di un libro o una poesia amata, scrivere qualche riga di cordoglio o ricordare un aneddoto di vita vissuta.

Anche in questi casi il nostro staff è a piena disposizione per scegliere le parole più delicate e sentite e far arrivare il messaggio di solidarietà e vicinanza alla famiglia dello scomparso. 

I manifesti per i lutti infantili

Se ad essere coinvolto nella scomparsa è, purtroppo, un bambino, è possibile utilizzare formule ancor meno formali per rispettarne la giovane età.

La grafica può includere un soggetto infantile o un piccolo disegno e sarà sempre firmato a nome dei genitori e dei familiari. La delicatezza in questi casi è ancor più indispensabile: non intendiamo ovviamente sminuire il dolore di un qualsiasi lutto, ma i genitori provati dalla morte di un figlio sono tra le vittime più fragili di questo trauma.

Ci impegniamo, come in ogni caso, ad utilizzare tutto il nostro tatto e la nostra professionalità per alleggerire il peso dalle spalle della famiglia e offrire un servizio completo e discreto che venga in loro aiuto. 

Il manifesto di spirito

Magari tra le indicazioni testamentarie della persona scomparsa è stato indicato di utilizzare formule di spirito, con un pizzico di ironia che potesse alleggerire il clima pesante e cupo del lutto. Rispettare la volontà del defunto dovrebbe sempre essere la priorità, anche nel caso la scelta fosse diversa da quella per cui, per natura, sarebbe portata la famiglia. 

Se è desiderio degli amici, dei colleghi o dei conoscenti affiggere un manifesto funebre di questo tipo è sempre meglio consultarsi con un familiare per scegliere una frase ironica ma non volgare o chiassosa, che non turbi la necessaria tranquillità dei cari già messi a dura prova da questo momento di dolore. 

Se la scelta della persona è invece condivisa, una piccola risata potrebbe essere d’aiuto sia agli amici che alla famiglia per superare con più serenità il momento di difficoltà e ricordare il proprio caro come uno spirito gioioso e divertente. 

Manifesti funebri online

Al giorno d’oggi è possibile inoltre un’ulteriore forma di manifesto funebre, pubblicato interamente online. Le migliori imprese garantiscono questo servizio, e permettono a molte persone di lasciare direttamente un ricordo del defunto per dimostrare affetto e vicinanza alla famiglia colpita dal lutto. Parallelamente il necrologio può essere inviato ai quotidiani, sia locali che nazionali, per la pubblicazione.

Ma la versione online permette un livello di vicinanza superiore, in quanto consente di lasciare direttamente un ricordo nella pagina dedicata al defunto.

Quella dei necrologi online è una pratica oramai diffusa e molto apprezzata sia dalle famiglie che dagli amici della persona venuta a mancare perché permette di onorarne la memoria in maniera rispettosa e di avere, per la famiglia del defunto, una serie di ricordi di persone vicine da poter leggere e portare con sé.  

Share on Facebook
Facebook
Condividi